PADEL SERIE A, ALTRO PARI PREZIOSO E ARRIVA LA SALVEZZA

Data Evento: 
Sabato, Aprile 27, 2019 - 14:00

"Abbiamo compiuto un'impresa fantastica". Non usa mezzi termini il direttore tecnico del padel al Circolo Canottieri Roma, Jacopo De Bellis, esausto ma felice al termine della trasferta più difficile di tutta la stagione. Quella, cioè, in casa del Misano Out, da cui sabato la squadra giallorossa è tornata con un punto che pesa come un macigno: 2-2 contro il team giunto secondo nel girone B e salvezza conquistata all'ultima giornata. Il prossimo anno, il Canottieri Roma potrà di nuovo disputare il campionato di Serie A, competizione che diventa ogni anno più difficile ed esigente.

Privi delle stelle Javi Garrido e Delfina Brea, impegnati all'Open di Alicante, torneo del World Tour, D'Attilio e compagni sono riusciti comunque ad andare a punti contro una delle candidate allo scudetto. Considerando il concomitante 4-0 dell'Aniene sul Due Ponti che ha sancito la retrocessione di quest'ultimo, alla truppa sarebbe bastato vincere anche soltanto un incontro. Successo arrivato peraltro dallo stesso De Bellis, in coppia con Salvati: duo in grado di sconfiggere 6-3, 3-6, 7-6 i favoriti Conti-Arcangeli. Il gruppo non ha però perso tempo nei seppur meritati festeggiamenti, togliendosi una soddisfazione ulteriore con il 6-7, 7-6, 6-4 inflitto da D'Attilio e Toccini a Negroni-Scala, due tra i migliori giocatori italiani in circolazione. Sconfitte, ma al termine di battaglie, le restanti due coppie: Prolli-Sussarello, regolate con un duplice 7-5 da Vano-D'Ambrogio, e Orecchio-Calneggia, battuti 7-6, 6-3 da Tonti-Perez Millan.   

Il Circolo Canottieri Roma, seguito per tutto il torneo dal consigliere agli Altri Sport Marco Tagliati, ha chiuso il girone al terzo posto con 4 punti, uno in più del Due Ponti, e alle spalle di Aniene (16) e Misano (8). Quattro pareggi e due sconfitte, proprio contro le squadre promosse alle finali scudetto. Pertanto salvezza, meta fondamentale raggiunta grazie a tanta caparbietà e al contributo degli sponsor Nieco, azienda che dal 1997 si occupa del trattamento e lo smaltimento dei rifiuti speciali e pericolosi, e Mizuno, che veste gli atleti giallorossi. 

Per la cronaca, e questo rappresenta un ulteriore motivo d'orgoglio, il già citato Open di Alicante ha visto tra i protagonisti proprio i rappresentanti del Circolo. Delfina Brea, in coppia con Maria Josè Sanchez Alayeto, è stata sconfitta soltanto in finale da Salazar-Sanchez per 6-2, 7-5. Battuta al primo turno Giulia Sussarello, con Chiara Pappacena, ma dopo aver tagliato un traguardo storico: mai nessun italiano aveva infatti raggiunto il tabellone principale della manifestazione. Quanto a Javier Garrido, lui e Martin Di Nenno hanno ceduto 6-3, 3-6, 6-3 in semifinale da Pablo Lima e Fernando Belasteguin.

 

Fondato nel 1919 - Stella d'Oro al Merito Sportivo 1971

Copyright 2018 - Circolo Canottieri Roma

 

Privacy Policy               Area Riservata

 

Realizzato da GEB Software